WWE: LA Knight sei un pazzo! Due schiaffi a Bray Wyatt e la fuga, inevitabili le conseguenze


La scorsa settimana Bray Wyatt ha avuto la prima interazione fisica dal ritorno in WWE, mentre LA Knight veniva intervistato l’Eater of Worlds ha provato a reclutarlo, sfruttando la sua rabbia per non esser stato considerato nella SmackDown World Cup, LA Knight ha rifiutato e si è preso una testata in pieno volto da Wyatt.

Chi si cela dietro la maschera?

Questa notte a SmackDown Bray Wyatt ha preso la via del ring, come sempre in un’atmosfera unica con il coinvolgimento del pubblico. L’ex campione Universale ha preso la parola e ancora una volta ha provato a fare ammenda delle sue azioni, in particolare chiedendo scusa ad LA Knight per la testata di sette giorni fa. L’ex NXT è giunto sul ring, interrompendo il promo di Wyatt e si è detto convinto di essersi guadagnato il suo rispetto perchè non lo teme. Al momento della stretta di mano Knight ha preferito sferrare uno schiaffo a Wyatt per poi allontanarsi subito dicendo di aver accettato le scuse e che sono pari, l’Eater of Words ha incassato in un misto tra rabbia e divertimento e si è di nuovo avvicinato per la stretta di mano. Qui il gesto sconsiderato di Knight è stato quello di sferrare un altro schiaffo per poi scappare verso lo stage, mentre alle sue spalle sullo schermo appariva la maschera di Uncle Howdy.

Più in avanti nel corso della puntata Knight è stato intervistato mentre lasciava l’arena, alla domanda se lo facesse per paura di ritorsioni ha risposto divertito dicendo che non teme Wyatt e di aver finito il lavoro per la serata. Aprendo la porta non si è però accorto di una figura mascherata apparsa per pochi secondi nell’oscurità. Al rientro dalla pubblicità LA Knight è stato ritrovato da arbitri e ufficiali privo di sensi sotto una pila interminabile di vari oggetti, tra scaffali, bidoni, scale etc. Il mandante appare chiaro, ma resta il mistero su chi fosse la figura mascherata.









Source link

Leave a Comment

Your email address will not be published.